Se fai jogging non puoi non usare calze da running

Il jogging e l’atletica sono tra le attività maggiormente praticate da chi fa sport. Tutti, dagli atleti amatoriali fino ai professionisti, sanno che è necessario indossare scarpe adatte alle proprie esigenze (stile di corsa, frequenza d’uso, peso, superficie, ecc) per allenarsi in modo proficuo o vincere una gara. Non tutti però sanno che le calze da running e le scarpe rivestono la medesima importanza: sono un binomio inscindibile. Insieme si potenziano e concorrono a migliorare la performance, a ridurre traumi o stress a tendini e legamenti e a mantenere i piedi sani. Ecco perché è fondamentale destinare una parte del proprio budget all’acquisto delle calze tecniche.

Cosa sono le calze da running

 

In passato questo genere di calze era poco diffuso, sottovalutato perfino dai professionisti, ma nel giro di pochi anni le cose sono cambiate radicalmente. La ricerca e lo studio sui materiali ha fatto capire che la cura di questo particolare è fondamentale per un risultato ottimale. Le calze tecniche sono diventate parte integrante dell’abbigliamento dell’atleta al pari delle magliette o dei pantaloncini traspiranti, alla luce dei tantissimi vantaggi che offrono. Innanzitutto assicurano al piede e al polpaccio il massimo comfort (pensate a una gara di fondo), poi massimizzano le caratteristiche tecniche della scarpa indossata e infine agevolano la corretta circolazione sanguigna (il sangue pompa più rapidamente). E’ consigliabile provare le calze running prescelte contemporaneamente all’acquisto delle scarpe in modo da valutare se e quanto sono confortevoli e dunque se il modello è giusto.

I vantaggi delle calze da running

 

Le calze per il running si distinguono dai calzini comuni per alcune imprescindibili peculiarità: sono senza cuciture, sono morbide e hanno il plantare anatomico. Se anche una sola di queste caratteristiche è assente, non si può parlare di calze da running. E’ necessario che non ci siano le cuciture perché è la zona che si consuma più velocemente diventando la principale causa di vesciche, duroni e sfregamenti (tra la pelle e la parte in rilievo) e di conseguenza l’andatura diventa più instabile.

Devono essere morbide per offrire la massima comodità durante l’allenamento e a maggior ragione nel corso di una gara (macinando chilometri è necessario esser sempre a proprio agio). Infine non deve mancare il plantare anatomico che garantisce stabilità ed evita falsi appoggi del piede. Non è finita qui: le calze da running avvolgono, ma non stringono mai la caviglia per non rallentare l’afflusso del sangue dalla pianta del piede al resto del corpo. Infine, attraverso i fori di aerazione viene garantito l’isolamento termico e i piedi restano freschi e asciutti. Niente macerazioni, niente piedi umidi. Tutte specifiche tecniche che incrementano la prestazione.

Perché usare le calze tecniche

 

E’ chiaro che un paio di calze da running va scelto in base all’utilizzo che se ne vuole fare. In vendita, infatti, ci sono diversi tipi e si distinguono per materiale, struttura e, appunto, impiego finale. Si distinguono in due categorie: a compressione graduata o a struttura differenziata. Nel primo caso sono lunghe fino al ginocchio e aiutano il sangue ad arrivare al cuore più velocemente per un’ossigenazione maggiore e un minor senso di affaticamento.

Nel secondo caso (struttura differenziata) la punta e il tallone sono rinforzati.

Le calze da running leggere sono l’ideale per chi è impegnato in una maratona perché non esercitano alcuna pressione sul piede e sulla gamba consentendo un uso prolungato nel tempo. Invece, il tipo di calze rinforzate sono adatte ai velocisti che imprimono grande forza sulle parti terminali del corpo.

La lunghezza non ricopre un ruolo particolare, mentre il materiale sì. Le calze da running possono essere in filati leggeri e naturali, come il cotone, la fibra di bambù, oppure grossi e sintetici, cioè in poliammide e poliestere che sono resistenti e traspiranti.

Il prezzo delle calze running

 

Per i tanti vantaggi e benefici che forniscono all’atleta, le calze tecniche sono indispensabili e valgono tutto il loro prezzo. La forbice è ampia: per quelli alla caviglia il costo medio è 12,00 euro, per le calze tecniche lunghe fin sotto il ginocchio si può arrivare fino a 30,00 euro. L’acquisto di una pacco multiplo risulta più conveniente.

Comments

comments