Archivio tag: camino a pellet

Comodità e funzionamento del camino a pellet

Per chi, durante i mesi invernali, non vuole rinunciare all’accoglienza e alla compagnia del fuoco di un camino ma allo stesso tempo vuole indirizzare la propria scelta sul combustibile rinnovabile, la fusione perfetta è il camino a pellet. Esso è sempre più apprezzato poiché rappresenta una soluzione ecologica di riscaldamento, che sfrutta fonti di combustione pulite come gli scarti di legno vergine senza corteccia senza aggiunta di additivi chimici. In questo modo si diminuiscono i costi e le emissioni di gas inquinanti, mentre aumenta la resa termica.

Funzionamento del camino a pellet

Il
camino a pellet viene avviato, a differenza dei normali camini a legno, dalla corrente elettrica. Un’importante differenza con il camino tradizionale è che quest’ultimo ha un sistema di tiraggio naturale, mentre la maggior resa termica del camino a pellet avviene grazie alla presenza di un sistema di ventilazione a tiraggio forzato che espelle tutti i fumi all’esterno.

La caratteristica che contraddistingue il camino a pellet è quella di avere un focolare chiuso in grado di mantenere per molto tempo il calore al suo interno e sprigionarlo gradualmente. Proprio per questo i materiali di cui è composto il focolare sono ceramica, maiolica e ghisa. Nello specifico, il camino a pellet è dotato di un bruciatore ed un serbatoio per contenere il pellet. Il combustibile viene raccolto in una coclea che lo lascia cadere nel focolare. Una volta che il pellet si trova all’interno del focolare viene mescolato con un getto d’aria e sistemi di ventilazione che ne permettono una lenta ma efficiente combustione.

Camino a pellet ad aria e ad acqua

In commercio si trovano diverse tipologie di camino a pellet. Ci sono i
camini a pellet ad aria, che immettono aria calda umidificata nell’ambiente tramite una griglia e sono dotati di un sistema di canalizzazione che permette la diffusione dell’aria calda in modo omogeneo in tutta l’abitazione.
In alternativa, si può scegliere un
camino a pellet ad acqua. Questo camino è multifunzionale e può sostituire egregiamente un impianto a combustibili fossili, perché permette sia di riscaldare il proprio ambiente emettendo aria calda, sia di avere l’acqua calda.

Soluzioni su misura: il camino a pellet angolare

Per quanto riguarda la forma si può scegliere il camino a pellet tradizionale da collocare su una parete oppure un
camino a pellet angolare, che consente di avere un notevole risparmio di spazio. I camini ad angolo hanno quasi tutti una forma rotonda e lo scarico dei fumi si trova solitamente ai lati della struttura. La struttura può essere inserita anche all’interno di un camino preesistente sfruttando la presenza della canna fumaria: in questi casi basterà acquistare un inserto pellet per il camino.

Cosa valutare prima dell’acquisto di un camino a pellet

Prima di decidere di acquistare un camino a pellet le cose da valutare sono molteplici. Bisogna, innanzitutto, valutare l’ampiezza dei locali da riscaldare in modo da scegliere il camino con la potenza adeguata. Dopodiché bisogna valutare se vi è un caminetto già esistente e quindi se il nuovo camino necessiti di un impianto totalmente nuovo, compresa la canna fumaria. Cosa molto importante, che inciderà sul
prezzo del camino a pellet, è capire se ci sia la necessità di canalizzare l’aria per riscaldare gli spazi adiacenti a quello dov’è situato il camino. Decidere quale tipologia di camino acquistare in base alla necessità o meno di riscaldare l’acqua per uso sanitario o per i termosifoni.

Il prezzo per un camino a pellet contiene il costo del camino stesso, il costo dell’installazione e di vari impianti annessi.  Per un camino a pellet ad aria il prezzo sparte dai 500 euro mentre per un camino a pellet ad acqua la cifra si aggira attorno ai 1500-4000 euro. L’installazione della canna fumaria costa circa 1500 euro e c’è poi da considerare il costo della manutenzione annuale che costa intorno a 50 euro. I costi da sostenere inizialmente sono molteplici ma con l’andare del tempo verranno ammortizzati e ci sarà un guadagno in termini di ecologia e risparmio. È consigliato affidarsi ad esperti del settore per ricevere più informazioni possibili e almeno tre o quattro preventivi diversi.

Comodità del camino a pellet

Sicuramente l’
installazione di un camino a pellet è molto comoda sotto diversi punti di vista. Primo di tutti, la pulizia che questo sistema di riscaldamento offre. A differenza del camino tradizionale, infatti, non ci saranno più cenere o pezzetti di legno in giro per casa. Il secondo vantaggio riguarda l’accensione, che con il pellet richiede infinitamente meno tempo: il camino si attiva con un semplice pulsante e in genere esiste la possibilità di regolare l’accensione del camino a pellet programmandola con un timer. Durante il suo funzionamento, si potrà regolare di volta in volta la temperatura che si vuole raggiungere all’interno dell’abitazione e l’intensità con la quale l’aria deve essere espulsa.