Maggio 16, 2021

Seo: joomla o wordpress?

 

Quando la decisione di mettere online un sito è allo stadio finale, arriva il momento in cui ci s’interroga su quale piattaforma appoggiare il nostro sito per renderlo SEO friendly. Joomla e WordPress sono le piattaforme maggiormente conosciute entrambe considerate seo friendly ma analizzeremo in questo post il perché la scelta ricada quasi sempre su wordpress. sviluppata da un gruppetto di programmatori provenienti tutti dalla stessa azienda la piattaforma joomla seo è stata considerata per tanto tempo il vero CMS. Nel corso degli anni si è arricchito sempre di più di contenuti e moduli che ad oggi consentono una grandissima personalizzazione che da la possibilità quindi di operare in maniera autonoma e che, gestita in maniera corretta, può portare ad ottenere ottimi risultati seo. WordPress invece è stato progettato sin dall’inizio come strumento per la pubblicazione diretta essendo quindi poi prediletta da molti blogger che, grazie a wordpress, hanno la possibilità di velocizzare notevolmente i tempi di pubblicazione. Con il tempo, anche wordpress si è arricchito di contenuti tanto da arrivare ad essere paragonato a joomla ma ad oggi si presenta ancora molto leggera e pertanto viene sicuramente preferito rispetto a joomla. Inoltre, essendo molto più leggero wordpress riesce ad ottenere risultati seo molto più immediati e da la possibilità di accedere al pannello di amministrazione e procedere direttamente con la pubblicazione di contenuti. Joomla al contrario, essendo strutturato in maniera più “professionale” risulta essere più complicato e macchinoso pertanto molto meno rapido. In generale ai fini del seo, essendo wordpress più leggero e quindi maggiormente utilizzato dai blogger che ne preferiscono la rapidità di redazione, ha acquisito ad oggi una maggiore diffusione e di conseguenza ne ha ereditato una maggiore credibilità da parte dei motori di ricerca. È per questo che, comparando il joomla se al wordpress seo ne risulta sicuramente vincente il secondo nonostante l’anzianità del primo.


Comments

comments