Giugno 19, 2021

8 consigli per vivere di nuovo da soli dopo una separazione

La vita dopo un divorzio o una separazione richiede molti adattamenti. Uno grande? Imparare a vivere di nuovo da solo. In precedenza era sopravvissuto a un divorzio, ha vissuto da solo per un po ‘e ora è felicemente risposato. Mentre discutevamo del mio trasferimento in attesa in un nuovo posto, abbiamo parlato di come riadattarmi a vivere da solo e affrontare la solitudine che può colpire. Ha fatto un commento in particolare che è rimasto nella mia mente fino al giorno del trasloco: “Vivere da solo sembra emozionante all’inizio, ma non saprai come gestirlo fino a quella prima notte da solo dopo che ti sarai trasferito, chiudi la porta per la notte e mettiti a letto. È allora che ti colpirà tutto.”

Aveva quasi ragione. La mia prima notte da solo dopo la mia separazione non ha comportato il restare a letto sveglio perché non andavo a letto. Vivere da solo dopo un lungo periodo di convivenza è un adattamento della vita eccitante ma spaventoso. Un uomo imparerà molto su se stesso in un breve periodo di tempo. Per alcuni uomini appena separati o divorziati, la transizione sarà facile; per altri, potrebbero volerci mesi prima che un nuovo posto si senta davvero a casa. Mi ci è voluto del tempo per adattarmi, ma alla fine ci sono arrivato. Se attualmente stai vivendo una situazione simile, questi suggerimenti per vivere da solo dopo un divorzio o una separazione renderanno l’improvviso cambiamento di vita un po’ meno scomodo. Ecco alcuni consigli di un avvocato matrimonialista a Verona.

Abbraccia il silenzio

Vivere da solo dopo il divorzio comporterà lunghi periodi di silenzio. Anche con la TV accesa o la musica a tutto volume, l’assenza di altre voci in casa troverà un modo per soffocare il resto del rumore. Abbraccia la quiete. La ricerca ha dimostrato che il silenzio è incredibilmente vitale per il cervello e la salute mentale. Solo un’ora di silenzio riempie le nostre risorse cognitive, allevia lo stress, ci aiuta a superare i problemi interni e potrebbe persino rigenerare le cellule cerebrali.

Non dovresti aver paura della tua esistenza improvvisamente tranquilla. Queste lunghe pause tra le conversazioni rendono il tempo con le persone, in particolare i tuoi figli, ancora più piacevole.

Stabilisci una routine

Alcune persone sentono la parola “routine” e si spengono automaticamente. Vivere la vita secondo un programma suona come una tortura per molti, ma è una componente essenziale per vivere da soli.

Essere di nuovo soli implica la libertà, ma quella libertà spesso porta a trascurare tutto, dalla tua casa alle tue responsabilità e persino al tuo corpo. Rimandare le cose a domani significa che più compiti si accumulano e quella montagna di progetti, commissioni e doveri non solo ingombrerà il tuo nuovo posto, metterà a dura prova la tua salute mentale.

Siediti e scrivi tutte le faccende critiche che dovrai completare ogni settimana, come fare la spesa, pulire la casa o pagare le bollette e designare un’ora e un giorno per ciascuna. Una routine più rigida porta a una maggiore libertà.

Rifatti il ​​letto ogni giorno

In un discorso di apertura del 2014 all’Università del Texas, Austin, l’ammiraglio William McRaven ha parlato alla classe di laurea sulla sua formazione come Navy SEAL. McRaven ha condiviso le 10 cose più significative che ha imparato durante la formazione che avrebbero aiutato i laureati mentre passavano al capitolo successivo della vita. Il primo consiglio di McRaven: rifatti il ​​letto ogni mattina.

Rifare il letto è un primo passo essenziale nella tua nuova routine quotidiana. McRaven aveva ragione, all’inizio sembra ridicolo e simile al consiglio di una madre prepotente, ma non posso sottolineare l’importanza di questo rituale indolore.

Rifare il letto inizia la giornata con un risultato. A volte è tutto ciò che serve per far muovere le cose in una direzione positiva.

Non pianificare cose che potrebbero non accadere

Un tavolo da fattoria fatto a mano con legno di recupero è stato uno dei miei acquisti più costosi prima di trasferirmi nel nuovo posto dove avrei iniziato la mia vita dopo il mio divorzio. Ho immaginato che io e i bambini cenassimo al tavolo, ospitassimo amici e parenti per i pasti del fine settimana e ottenessimo un sacco di utilizzo del riempitivo da 600 euro.

Avanti veloce fino ai giorni nostri e i bambini preferiscono mangiare sul pouf davanti alla TV, non ho organizzato una cena e il tavolo è diventato un ufficio improvvisato.

Se vivi da solo dopo il divorzio, non pianificare le cose che potrebbero accadere. Finisci per spendere una notevole quantità di tempo e denaro per la fantasia. Concentrati prima sulle necessità come avere tutti gli strumenti e gli utensili giusti in casa. Leggi come andrà effettivamente a vivere da soli e adattati di conseguenza.

Invita le persone perché non inviteranno se stesse

Alcuni dei miei amici più cari devono ancora mettere piede nel mio appartamento. Ho chiesto a ciascuno di quegli amici perché e ognuno di loro ha dato una risposta simile: “Non ci hai mai chiesto di venire”.

Non vivere partendo dal presupposto che le persone passeranno o si offriranno di vedere il nuovo posto. Devi chiedere esplicitamente alle persone di passare e controllare i nuovi scavi. Rendi la tua casa il soggiorno predefinito per guardare i PPV di wrestling o per le serate di poker mensili o per incontrarti prima delle gite con il club di corsa. Le persone non vorranno intromettersi nella tua nuova vita a meno che tu non lo chieda.

Dì “Sì” a Altro

Mi piace dire di no. Dire di no è davvero bello. Normalmente, sto predicando i benefici di una giornata piena di “no, grazie”, ma questo si applica solo alle richieste per il tuo tempo e ad accettare di fare cose che davvero non vuoi fare.

Quando si tratta di vivere da soli, esorto gli uomini a dire di sì a più, ma solo a eventi che portano un ragazzo fuori di casa. Incontrati di più con amici e familiari, fai volontariato, trova un lavoro secondario, esercitati di più e mettiti in situazioni che richiedono parlare con altre persone.

Dì di sì a essere più socievole, ma continua a dire di no a fare cose che odi.

Impara a cucinare

Per i primi mesi gli armadietti e il frigorifero erano vuoti come il mio conto corrente. Mangiavo spesso fuori, mangiavo spesso da asporto, ero invitato a cena da genitori e amici e non avevo il bisogno o il tempo di rifornire il frigorifero e la dispensa di cibo. Solo il venerdì prima che i bambini trascorressero il fine settimana facevo la spesa e portavo le razioni in casa.

Dopo essermi stancato di ogni posto da asporto nel raggio di cinque miglia, ho deciso di mettere a frutto le mie ore di spettacoli di cucina e documentari sul cibo. Ho aperto i libri di cucina dei miei chef preferiti, ho raccolto le ricette preferite di mia madre e ho imparato a essere un sous chef amatoriale non troppo orribile.

Impara di nuovo su te stesso

Oltre a cucinare, trova altri atti di miglioramento personale per riempire il tempo. Non aver paura di provare nuovi hobby che hai rimandato perché “non c’era abbastanza tempo”. Inizia con cose semplici ed economiche come leggere, disegnare, hobby fai-da-te o persino imparare uno strumento. Cerca di stare alla larga dagli hobby che richiedono molto denaro, tempo e spazio.

Vivere da solo dopo il divorzio non deve essere percepito come una punizione. Ci vorrà del tempo per abituarsi alle responsabilità aggiuntive, al silenzio e all’improvvisa assenza della tua famiglia. Ma, proprio come tutto nella vita, la solitudine occasionale diventerà più facile nel tempo.

Comments

comments