Luglio 28, 2021

Depressione stagionale negli anziani: 4 consigli per i caregivers

I mesi invernali sono particolarmente impegnativi per te e il tuo adulto più anziano? Uno o entrambi potreste essere affetti da Disturbo Affettivo Stagionale (SAD).

È un tipo di depressione maggiore che di solito colpisce le persone durante i mesi invernali. È più probabile che colpisca le persone il cui tempo trascorso all’aperto è limitato da condizioni meteorologiche avverse, mobilità ridotta o malattie.

Scopri cos’è il disturbo affettivo stagionale, i sintomi comuni, come colpisce gli anziani e gli operatori sanitari. Ecco 4 consigli forniti da esperti di assistenza domiciliare anziani a Roma.

Cos’è il disturbo affettivo stagionale?

Si ritiene che il disturbo affettivo stagionale (SAD), chiamato anche depressione stagionale, sia causato dall’accorciarsi delle giornatei e dal clima più fredd..

Il ritmo circadiano naturale del corpo è influenzato dall’esposizione al sorgere e al tramonto del sole.

Gli scienziati ritengono che una minore esposizione al sole durante le giornate invernali più brevi possa causare cambiamenti nella chimica del cervello, come i livelli di serotonina e melatonina. Questi cambiamenti biochimici possono causare sintomi di depressione.

Il SAD inizia in genere nel tardo autunno o all’inizio dell’inverno e scompare in primavera e in estate quando c’è molto sole.

Sintomi del disturbo affettivo stagionale

I sintomi del disturbo affettivo stagionale possono iniziare lievi e diventare più gravi con il progredire dell’inverno.

Le persone con SAD hanno spesso sintomi che includono:

  • Mancanza di energia, sensazione di stanchezza;
  • Perdita di interesse per le attività amate un tempo;
  • Irritabilità e agitazione;
  • Problemi con il sonno;
  • Difficoltà a concentrarsi;
  • Diventare antisociale;
  • Aumento dell’appetito o aumento di peso;
  • Sentimenti di inutilità o disperazione;
  • Pensieri di morte o suicidio.

In che modo la depressione stagionale colpisce gli anziani e gli operatori sanitari

Molti caregiver sperimentano già sintomi di depressione a causa dello stress cronico del caregiver. La depressione stagionale può intensificare questi sintomi e peggiorare la depressione.

Allo stesso modo, molti anziani che soffrono di malattie gravi o necessitano di assistenza sanitaria hanno anche sintomi di depressione. Il CDC stima che il 15-20% degli adulti sopra i 65 anni soffra di depressione.

Quando sei consapevole e puoi riconoscere i primi segni del SAD in te stesso e nel tuo adulto più anziano, puoi agire per prevenire una depressione più profonda e migliorare la qualità della vita per entrambi.

Quando rivolgersi ad uno specialista

È normale che ci siano giorni in cui ti senti giù, soprattutto come badante o un adulto più anziano che vive con gravi condizioni di salute.

Ma sentirsi giù per giorni alla volta e non essere in grado di essere motivati ​​a svolgere attività piacevoli è un segno per vedere il medico.

Ciò è particolarmente importante se i modelli di sonno e l’appetito sono cambiati o se tu o il tuo adulto più anziano vi sentite senza speranza o pensate al suicidio.

4 modi per prevenire e gestire i sintomi del disturbo affettivo stagionale

1. Conosci i fattori di rischio

Essere consapevoli del rischio di sviluppare SAD ti aiuta a essere più proattivo e notare i sintomi prima.

Il SAD è più comune nelle donne rispetto agli uomini. E anche le persone con una storia familiare o esperienza personale con la depressione possono essere maggiormente a rischio.

Bassi livelli di vitamina D sono stati trovati anche nelle persone con SAD. Gli scienziati sospettano che la vitamina D svolga un ruolo importante nella regolazione dei livelli di serotonina.

2. Aumentare l’esposizione alla luce

Uno dei primi passi per prevenire e gestire i sintomi del disturbo affettivo stagionale è ottenere una maggiore esposizione alla luce naturale.

Suggerimenti per aumentare l’esposizione alla luce naturale:

  • Trascorrere la maggior parte del tempo nelle stanze più luminose della casa;
  • Uscire al sole ogni giorno: potrebbe significare una passeggiata di 10 minuti o semplicemente uscire in veranda o in giardino;
  • La terapia della luce è un altro modo efficace per aumentare l’esposizione alla luce senza dover andare all’aperto. Ciò è particolarmente utile per le persone con problemi di mobilità o quando il maltempo costringe tutti a rimanere in casa per giorni o settimane.

I medici raccomandano spesso lampade per terapia della luce per aumentare l’esposizione alla luce. Stare seduti davanti a questo tipo di lampada per un determinato periodo di tempo ogni giorno può ridurre i sintomi del SAD.

Prima di provare la terapia della luce, è meglio consultare un medico perché le persone con determinate condizioni di salute devono fare attenzione perché l’intensità o la quantità di luce sbagliate possono causare problemi.

3. Ottieni un’attività fisica regolare

L’esercizio fisico regolare e altri tipi di attività fisica riducono lo stress e l’ansia complessivi, il che aiuta a ridurre i sintomi del SAD. L’attività fisica aiuta anche a stancare il corpo, migliorando la qualità e la durata del sonno.

Gli anziani trarrebbero beneficio da semplici routine di esercizi a casa che li aiutano a muoversi e, come bonus, anche a rafforzare la forza e ridurre il rischio di cadute.

Come badante, può essere difficile fare esercizio, specialmente durante i freddi mesi invernali. Trovare modi per fare piccoli allenamenti a casa è un ottimo modo per continuare a muoverti: si somma rapidamente.

Potresti provare a seguire brevi video di yoga disponibili gratuitamente su YouTube, fare squat e affondi mentre aspetti il ​​microonde o utilizzare semplici attrezzature per esercizi domestici come dischi di equilibrio e manubri.

4. Cercare assistenza

Se temi che tu o il tuo paziente possiate soffrire di depressione stagionale, non esitate a parlare con il medico.

Saranno in grado di diagnosticare correttamente la causa dei sintomi e di formulare raccomandazioni che ti aiuteranno a sentirti meglio.

Se i sintomi sono causati dal SAD, possono raccomandare cambiamenti nello stile di vita per ridurre lo stress, terapia della luce, farmaci appropriati, terapia o consulenza.

Comments

comments