Maggio 27, 2022

I trattamenti dell’acciaio: la passivazione

L’acciaio passivato è una barriera di ossidazione molto efficace. Di solito viene prodotto e sviluppato con il metodo del decapaggio raffreddato ad aria. Ci sono due approcci nel fare questo processo, che includono l’uso di soluzioni chimiche tradizionali o una soluzione acquosa concentrata di soda caustica calda. La passivazione raffreddata ad aria è una fase lenta e lunga, può richiedere fino a 72 ore o più per sviluppare una pellicola passiva sufficiente. La passivazione ad aria può essere irregolare a causa di condizioni variabili come la temperatura di stoccaggio, l’umidità atmosferica durante il processo.

La passivazione naturale dell’acciaio

Ci sono vari modi per ottenere la passivazione dell’acciaio inossidabile, il primo è la passivazione naturale che avviene nell’aria e il secondo è quello di usare soluzioni chimiche. 

Il termine passivazione è comunemente usato per la formazione di uno strato di ossido protettivo sulla superficie dell’acciaio. La passivazione in aria è un processo lento che richiede molti giorni per dare uno strato sufficiente. La passivazione in questo caso può anche essere irregolare a causa delle diverse condizioni in cui il materiale è conservato, la temperatura, l’umidità atmosferica. 

Il procedimento consiste nell’utilizzo di soluzioni chimiche in cui viene immerso il pezzo da passivare, anche qui esistono, per lo stesso motivo del decapaggio, soluzioni in gel o in pasta da dare a pennello o a pompa a spruzzo. Qui dopo un tempo di permanenza di almeno tre ore il pezzo sarà risciacquato con abbondante acqua fredda spruzzata a pressione. Dopo aver fatto tutto questo processo: ingrassaggio, decapaggio, passivazione, otterremo un buon manufatto inossidabile. 

Ciò non significa che questo manufatto non si ossiderà nel tempo, perché tutto dipenderà dall’ambiente in cui lavorerà.

Come rimuovere gli elementi contaminanti

La contaminazione superficiale e la ruggine possono essere rimosse con mezzi meccanici, decapaggio, metodi elettrolitici o mediante passivazione chimica. Tutti questi metodi sono efficaci nel rimuovere il ferro libero e altre sostanze estranee dalle superfici in acciaio. Di questi metodi, solo la passivazione chimica rimuove le particelle di ferro esogene che sono incorporate nella struttura del metallo.

La passivazione si ottiene attraverso l’uso di una soluzione diluita di acido nitrico e acqua, che contiene piccole quantità di nitrati e fluoruri dissolti. L’acido nitrico dissolve la ruggine e rimuove le particelle di ferro libere dalle parti in acciaio inossidabile passivate. La passivazione può essere valutata secondo le specifiche standard ASTM A 967 per i trattamenti chimici di passivazione delle parti in acciaio inossidabile.

In conclusione

La passivazione assicura che il metallo non arrugginisca per evitare un’ulteriore corrosione. Anche se la ruggine può essere rimossa con la lucidatura, una volta che si è cristallizzata è più difficile da eliminare ed è per questo che la passivazione preverniciatura è importante. Lo strato di ossido protettivo forma una barriera tra l’acciaio e l’ambiente corrosivo in modo che il metallo non si rompa. In questo senso, la passivazione aiuta a prolungare la vita utile di una parte metallica prima di doverla rimuovere e sostituire.

Comments

comments